Prospettive per l’#ippica italiana. Difficile attuare qualsiasi tipo di riforma.

Redazione

Il nuovo governo con il leghista Centinaio all’agricoltura potrebbe essere lo strumento per la rinascita del settore. Quantomeno per una sua boccata d’ossigeno. Contro ci sono i particolarismi dei Comuni che sono proprietari degli ippodromi, che nn hanno nessuna convenienza a modificare un meccanismo che gli crea consenso elettorale attraverso la manciata di voti proveniente dal personale degli ippodromi.

Centinaio evidentemente ha altro da fare. I vari interlocutori che si sono succeduti alla porta del ministero, veri e propri questuanti, vogliono i soldi dei contributi del Mipaf. Difficile cambiare l’attuale stato delle cose. Con una azione di forza com’è avvenuto con la classificazione degli ippodromi è stata provocata la reazione dei comuni che si sono rivolti ai loro padrini politici grazie a cui è tutto andato in malora.

Neppure è possibile la privatizzazione del settore, proprio per questo tipo di barriera che mantiene in vita quattro straccioni che gestiscono gli ippodromi e che quindi sono contrari a qualsiasi cambiamento. Oltre a mantenere una folla di dipendenti del Mipaf che si guardano bene dal favorire un cambio di rotta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.