#GloriousGoodwood. La seconda giornata.

Nella foto Wild Illusion vince per #Godolphin le #NassauStakes

di Giorgio Bergamaschi

Wild Illusion: #Godolphin alle stelle nelle #NassauStakes

Oggi, in Inghilterra, poco prima delle 15 ha preso avvio il #QatarGoodwoodFestival. Questo meeting è così unico, che anche la #CNN si è presa cura del fatto di sport, di cronaca ma anche di costume fashion e gossip, realizzando un simpatico servizio per… riassumere tutto ciò che lo rende così speciale, così unico. Oltre alle corse al galoppo alla… quintessenza del #turf, #Goodwood è indubbiamente uno tra i migliori ippodromi nel #RegnoUnito per quanto attiene ad accoglienza ed agio degli spettatori. “E poi, da qualsiasi punto uno osservi la corsa, vanta sempre una visuale eccezionale: non importa se si trovi in un posto riservato del super-ricco #RichmondEnclosure o dal semplice spalto popolare: da ogni punto si osservi una corsa, a Goodwod è possibile vedere – e godere – perfettamente dell’intera e singolarissima retta d’arrivo, sorta di palcoscenico unico al mondo che ha per… ‘quinte’ colline e campagne ondulate di rapinosa suggestione”. Oltre alle immagini, che di per sé già parlano chiaro, lo “speciale” della CNN ha detto anche questo della particolarissima pista del Regno Unito.

Inoltre, #GloriousGoodwood costituisce anche la coda non ufficiale della “stagione britannica”, Perché dopo il #ChelseaFlowerShow, #RoyalAscot, il torneo di tennis di Wimbeldon e la regata di Henley, arriva appunto il cameo di “#GloriousGoodwood”. Gli appassionati visti ieri, in occasione dell’ouverture, hanno avuto un’otitr orrenda all’epilogo nel rush della #GoodwoodCup (Gr.I), in cui attendevano le note dello Stradivarius di #JohnGosden, nel test sui 3200 metri.

Qui le emozioni non mancano, nel senso che c’è sempre una bella produzione di beta-endorfine, nel cervello di chi assiste al meeting ed in particolarea queste Nassau Stakes. Non è infatti cosa di tutti i giorni seguire metro dopo metro un atleta impegnato in una tattica d’avanguardia dal via al traguardo, su questa particolarissima pista. Una scelta che può portare più al suicidio tattico, che non al successo. Ma per Wild Illusion, la Godolphin che al via s’è lanciata al comando del drappello, s’è trattato di una scelta vincente. E non sappiamo dire, qui e ora, se il suo trainer #CharlieAppleby si sia subito fregato le mani per la soddisfazione circa l’intuizione del fantino, oppure abbia avuto un mezzo coccolone, mascherato con un fair play very british…

Fatto sta che Wild Illusion (50:10) sul traguardo delle Nassau Stakes dotate di 600.000 sterline è arrivata con azione pimpante e gagliarda, controllando gli avversari con fredda determinazione.
Wild Illusion ha galoppato la retta da assoluta dominatrice, conseguendo un facile successo, respingendo ogni tentativo d’attacco, soprattutto intimando un perentorio “alt” al secondo arrivato, Urban Fox (allievo di #WilliamHaggas). Terzo, in corda, Veracious (allievo di #SirMichaelStoute), che aveva illuso per qualche frazione di poter esprimere una punta di velocità più cattiva, ma restava invece sul passo.

Per Wild Illusion, s’è trattato del secondo successo di gruppo in carriera, dato che era stata sugli allori del #PrixMarcelBoussac in Francia, a due anni. Il vincitore delle Nassau ha un forte background di sangue tedesco. La figlia di #Dubawi, allevata da Godolphin, nasce da una Fährhof: si tratta di Rumh, da #Monsun, che era stata ceduta da Casa Jacobs alle #TattersallsOctoberSale 2009 per 300.000 ghinee allo Sceiccone del #Dubai, vincendo poi una listed per il “Blue Godolphin”.

Vale la pena di ricordare che solo un lustro fa, al #GloriousGoodwood era giunto un… “piccolo” Charlie Appleby, portando sulla schiena la responsabilità di una delle più grandi scuderie del mondo. Appena staccata, a sua licenza profumava di nuovo e lui doveva fiancheggiare #MahmoodAlZarooni… Appena 5 anni dopo, mancato il doppio di Oaks e Derby, ecco il cameo delle #QatarNassauStakes. “È stata una stagione stellare”, ha detto Appleby. “Sono molto fortunato ad essere in questa formazione: Sua Altezza #SheikhMohammed e la famiglia reale mi hanno sostenuto molto bene e sono stati molto gentili con me. Il difficile, in realtà, viene ora: già, perché siamo saliti a questo livello, e dopo esserci posizionati su questo piedistallo ora viene il difficile: restarci!”.

Glorious Goodwod

Nella foto un passaggio della corsa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.