#GermanOaks: Well Timed, è ancora #GeorgvonUllmann.

Nelle foto Well Timed sul traguardo del Grafenber: confermata la dittatura della portacolori di  Georg von Ullmann.

di Giorgio Bergamaschi

A Düsseldorf sul traguardo delle German Oaks trionfo annunciato della von Ullmann, che al Grafenberg ha risolto in formalità il Gr. I controllando in souplesse Night of England. Terza Wonder of Lips su Sword Peinture.

La grande attesa per le Oaks tedesche s’è conclusa con una festa straordinaria: quella di oggi era sì una grande corsa, ma con una vincitrice annunciata e il disco rosso del traguardo che ha consacrato il pronostico elevando agli altari il gialloblu di Georg von Ullmann, appassionato rampollo dell’ultima von Oppenheim. Tutte contro Well Timed, era lo slogan della vigilia, in realtà nessuna ha avuto classe e forza tali, per almeno avvicinare nel rush la forte e maschia macchina da corsa della erede di Holy Roman Emperor. Davvero una macchina da guerra, diligente e semplice, obbediente e devastante…

Alla sgabbiata, Filip Minarik ha subito portato sulla prima linea Well Timed, soggetto freddo e determinato, che ha eseguito perfettamente l’input del fantino verso l’avanguardia, prendendo comodamente la scia di Come on City anticipandola Grewe Night of England con all’interno la Wöhler Sword Peinture e Sand Zaabel, anche lei capace di prendere bene la partenza.

Subito in buona posizione, sulle orme della leader.

Come on City era presto lasciata galoppare in avanguardia da Micky Cadeddu, con le avversarie lì ad un paio di lunghezze, sorta di manovra di trasferimento via via sempre più brillante ma senza strafare, perché era sulla retta di fronte che la frotta iniziava a “caricare” verso la salita che porta sulla collina, in curva, dove il gruppo si ricomponeva per calibrare il passo acuendo equilibrio e concentrazione, per affrontare in assetto costante e perfetto l’uscita dall’insidiosissima piegata che immette in retta.

La puledra del Team Valor entrava presto in riserva d’ossigeno, del resto Well Timed aveva già organizzato impeccabilmente la sua azione per iniziare un allungo rapinoso e imparabile, palesando – oltre alla superiorità sulle avversarie ed una condizione inarrivabile – anche lo spiccato gradimento del tracciato. Già, Well Timed al Grafenberg aveva già vinto due buone corse e oggi dopo 56 giorni di pausa agonistica s’è ripresentata sul luogo del duplice delitto, con le stimmate della campionessa assoluta.

Una retta in souplesse, un rush sfoggiato con spocchiosa superiorità

Piacevole l’allungo progressivo della baia, che pareva caricata a molla: posteriore sotto la massa ad “imprimere forza per esprimere lavoro”, gli anteriori, ben disegnati dai volumi di plastica solidità, s’aprivano in un compasso inarrivabile. E poi di più, e di più… Sul traguardo, la von Ullmann dominava le avversarie, tra le quali soltanto Night of England aveva abbozzato l’aggancio, dovendo però arrendersi alla superiorità schiacciante della vincitrice annunciata. Già agli ultimi 30 metri, era evidente l’impossibilità di avvicinare Well, perché con l’ultimo guizzo dato da un secco cambio di rapporto Well Timed la controllava dileguandosi con dispotica spocchia: l’allieva di Grewe si doveva adeguare ad oltre una lunghezza e ¾, sotto spinta, mentre la vincitrice era tutta in mano, ben “raccolta” da Minarik. Terza a 2 ½ lunghezze seguiva Wonder of Lips, allieva di Andy Suborics montata da Alex Pietsch. Le altre, sgranate come perle di un rosario con le due supplementate, Sand Zabeel e Come on City, ottava e nona.

Resta da dire che, se mediamente la generazione 2015 non sembra essere d’eccellenza, e però qualche bella individualità la sta via via evidenziando,: come Well Timed, che è capace di amministrare le forze, variare rapporto nelle fasi importanti e sui dislivelli, così come sfoderare un’azione importante che oggi, in questo esame di laurea, soltanto l’azione di contenimento del suo “risparmioso” fantino non le ha consentito d’esibire fino in fondo. Vincitrice e bene, certo, ma senza strafare e senza umiliare le avversarie. La stagione è ancora lunga e l’ipotesi di una trasferta Oltrereno più che eventuale.

Schermata 2018-08-05 alle 20.47.32.png

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.