A Baden dominio Godolphin: vince la sua seconda tappa di German League. Nel rush anticipa Defoe di un collo.

BestSolution di un collo davanti a Defoe (sx), terzo Iquitos (dx)

Nella foto la vittoria di Best Solution

di Giorgio Bergamaschi

Baden Baden – I tedeschi fanno finta di niente, ma hanno accusato il colpo. Pensavano di potere, in un modo o nell’altro, tamponare la falla aperta già prima che s’aprissero le gabbie del big event di oggi. Con Weltstar a casa e Destino (suo runner up nel Derby) neppure iscritto, il risultato di questo Longines Grosser Preis von Baden, tappa aulica di German League, era fatalmente già scritto. Primo Best Solution, il Godolphin “puro”, secondo il Defoe, il… “satellite” che batte comunque le insegne di casa al Maktoum. Terzo Iquitos, anche vicino ai primi due, e però gli inglesi d’Arabia si sono “costruiti il test migliore”, in funzione dei prossimi obbiettivi.

I tedeschi fanno finta di niente, e però – seppure faccia parte del gioco – allestire tutto quel Bendidio per vivere otto-giorni-otto aprendo le porte ad ospiti che poi ti surclassano nonostante lo sforzo prodotto da Best Solution e Defoe sia stato… mascherato al massimo, beh diciamocelo pure: brucia!.

Come arginare l’imbarazzo? Ad esempio, lanciando tra le molte migliaia di appassionati giunti ad Iffezheim per partecipare alla festa che “Saeed bin Suroor è l’uomo del momento, è quello che, con questo suo campione, ha conquistato il Grosser Preis von Berlin ed ora – nella fase propedeutica alla massima valorizzazione internazionale del “Best” hanno fatto rotta su Baden Baden. Del resto, con Marienbad erano venuti a valorizzare (… sigh! a vincere…) il clou della Mecca dell’ippica tedesca, per poi andare ad espugnare Longchamp ed il traguardo del suo Arc”…

Giornata di grande spettacolo, approntato per lo strapotere degli ospiti

I tedeschi fanno finta di niente, ma davanti a 15.800 spettatori paganti hanno sospirato e sperato a lungo quando, al via del Grosser Preis, Night Music ha preso il comando e alimentato il sogno di vittoria: mica solo di Sarah Steinberg, la trainer bavarese della bella grigia reduce dalla commedia milanese. Perché la pièce italiana è alle spalle e oggi in scena andava il “dramma”, la corsa della verità. Che Night Music menava con generosa (ma senza strafare) danza in avanti fino quasi all’ingresso della retta d’arrivo. Vogliosa e ad orecchie dritte, la pacemaker era però tallonata da Defoe all’esterno e da Best Solution all’interno, abili nel cincischiare, in realtà esemplari esecutori di un progetto tattico di cinismo puro. Difatti, mentre stava per concludersi la discesa che porta in retta, Atzeni su Defoe suonava la sveglia con una tripletta a seguire di bacchettate, per poi prendere a braccia Defoe avendo avuto come il sospetto che si fosse impigrito.

Questo, mentre all’interno di Night Music Cosgrave su Best Solution pizzicava appena il Godolphin per poi prenderlo a braccia avendo risparmiato terreno nella cura della traiettoria. Ormai “dritti in retta”, gl’inglesi ingaggiavano 400 metri di testa a testa, mentre dagli avversari che insieme a Night Music parevano essere rimasti imprigionati in un brutto sogno, era il solo ed eterno Iquitos a mettersi onestamente alla rincorsa dei due fuggitivi. Che sfruttavano l’alito del tedesco alla loro coda, per mantenere la necessaria concentrazione fin sul palo dove Best Solution manteneva un collo di vantaggio sul rivale ed Iquitos, con un ultimo guizzo, era terzo a mezza lunghezza.

Windstoss, il Roettgen che De Vries aveva mantenuto prudentemente in coda senza infamia e senza lode, concludeva la sua corsa al quarto posto ad oltre due lunghezze da Iquitos, salvando la quarta moneta dal serrate di Night Music, quinta in fotografia.

I tedeschi fanno finta di niente, ma hanno veramente accusato il colpo. Da cui, di questo ne siamo certi, saprsnno trarre insegnamento per voltare a loro favore a congiuntura d’inizio settembre.

L’Australia come prossimo traguardo

Così Saeed bin Suroor, trainer del vincitore: „Il mio pupillo ha avuto la bonne chance di godere di una posizione di privilegio fino in retta, dove è arrivato col minimo sforzo e risparmiando metri su metri. Siamo molto soddisfatti di quest’altra sua vittoria. Ecco, questa vittoria di Baden ci dà il passaporto per l’Australia: laggiù il Best disputerà prima la Caulfield Cup e poi, summit stagionale, la Melbourne Cup “.

Secondo il jockey Pat Cosgrave „il cavallo sta disputando una stagione davvero luminosa, dimostrando una continua crescita dal suo arrivo in Europa, dopo aver lasciato il casalingo Dubai. La vittoria odierna viene anche da questa considerazione che ho fatto in sella: Defoe è molto buono, ma ha più le caratteristiche dello stayer, per questo venendo in retta ho un po’ anticipato i tempi, per restare sul tema della brillantezza”.

Ma va anche detto che Defoe è sì soltanto secondo, ma dopo una lunga pausa agonistica. Ed il trainer Roger Varian ha osservato: ”Se ci fosse stato un fondo pesante, Defoe ne avrebbe tratto molto vantaggio. Per questo il suo ingaggio non è stato certo, se non all’ultimo istante. E poi, anche l’andatura imposta dalla femmina non lo ha certo aiutato a mettersi sulle gambe al meglio, per cui prima il tratto finale della curva… senza fine e poi l’aggiramento della leader, hanno giocato contro di lui. Comunque, non dimentichiamo che è un buon vincitore di un buon Gr. II: sicché l’Arc d’inizio ottobre resta la sua opzione d’élite”.

Vai alla corsa: https://www.german-racing.com/gr/renntage/ergebnisse/index.php

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.