Ricordi. Capannelle o cara!

Nella foto Marina Duff vince il Crespi. Milano

di Chiara Pascucci Pepi

Nei ricordi di Chiara Pascucci Pepi, oggi veterinaria, e figlia di Leonardo Pepi della Berardenga, una parte della grande storia di questo ippodromo è DELL’IPPICA italiana.

Ricordi

Le più belle giornate erano quelle a Capannelle, partenza con il grande e grosso caporazza Bulgarelli, che mi intratteneva con le sue storie, l’avvicinarsi a Roma era un emozione, entrare a Capanelle con i grandi del galoppo Italiano era bellissimo, vedere le corse dalla tribuna proprietari e anche nei giorni come il Mercoledì , avere Andreotti accanto era ….boh…. strano, lo vedevo in televisione, ma c’era anche lui, amo questi ricordi. Andare a Roma alle corse era sempre bellissimi, ma anche andare a vedere i galoppi di Marina Duff, a Ciampino …… la mia ippica non c’è più, ma l’ho amata alla follia, grazie a mio padre Leonardo Pascucci Pepi e alla mia mamma Marina. Propio babbo alla notizia della chiusura ha detto “quante storie potrei raccontare”

Capannelle era ed è posto magico, pieno di storia e anche mio padre quando ha visto la notizia della sua chiusura, ha esclamato”quanti ricordi e quante storie”. Io mi ricordo delle truppe cammellate……. un gruppo di allevatori che andavano alle votazioni dell’Anac a Milano…. Lollo Luciani che mi salutava come se fossi una sua vecchia conoscenza, la mia mamma sempre seduta allo stesso posto in tribuna, proprio sotto a dove si sedeva Andreotti.La mia mamma che voleva vedere tutte le corse perché le piacevano.

Non dimenticherò mai Il Regina Elena corso da Marina Duff. Partimmo presto, perché dovevamo andare a prendere il fantino all’aeroporto, ci trovammo a Fiumicino a prendere Michael Kinane ed insieme a lui scese anche Carson che avrebbe montato Miss Secreto.

Fu una corsa bellissima, piena di gioie e dolori, dove Marina Duff, si piazzò , ma non vinse , vinse Miss Secreto.

Non dimenticherò mai Attilio Colella , era più basso di me, ma era un grande, un allenatore vero che si portava dietro il lucchetto per chiudere il Box di Marina, quando andavamo a correre fuori Roma, come quando siamo andati a Milano a correre il Dormello è il Crespi.

Che grande allenatore.

Potrei scrivere per ora di quell’ippica , di tutti gli allenatori che ho conosciuto, di persone che ancora oggi si ricordano di Casa Tolomei, che mi ricordano bambina, in giro sempre dietro a mio padre, perché i cavalli erano la mia passione e lo sono tutt’oggi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.