Eugenio Colombo racconta Justify, il vincitore della Triplice Corona Americana.

 

Schermata 2018-07-31 alle 13.08.06
di JJcdH

#EugenioColombo, un grande dell’ippica internazionale che fa onore all’Italia, ci parla del vincitore della Triplice Corona Americana, di Justify, un gigante del Turf mondiale.

Gli ingredienti per fare del personaggio di cui raccontiamo la storia un classico esempio di brutto anatroccolo poi diventato un principe, ci sono tutti. Il papà che è scomparso in giovane età e lui che è stato più volte scartato a una sorta di talent esclusivo riservato a quelli che poi con l’età diventeranno il top assoluto. Il suo nome è #Justify, e in quanto a bellezza, invece, non è secondo a nessuno. Con quel colore bronzeo del mantello, e quelle linee slanciate che ne fanno un semi dio. Justify è un purosangue, si un cavallo da corsa. Ci racconta la sua storia milionaria un broker, il più importante in assoluto sul mercato del purosangue, chiama Eugenio Colombo, è un italiano che ha assistito di persona a tutta la pur breve epopea di Iustify, arrivato nella mecca del cavallo da corsa alla fine degli anni settanta dove, è il caso di dirlo, è divenuto quello che si dice un “emigrato di lusso” con clienti che si chiamano #KarimAgaKhan, #DanielLeopoldWildenstein (mercante d‘arte), #FrankStronach (MagnaInternationalInAutomotive), #TeruyaYoshida (maggiore imprenditore ippico giapponese) per cui ha acquistato e venduto campioni per decine di milioni di dollari e di vecchie lire, dato che ha trattato Tony Bin di #LucianoGaucci per 4 milioni di dollari. <Iustify bello era bello, quando a 18 mesi fu presentato alle maggiori aste di purosangue del mondo, quelle di #Keeneland a settembre> (ultimo dato. 2017 furono messi all’incanto in 12 giorni 2.555 cavalli per l’astronomica cifra di $ 307,845,400 per una media di $ 120,487).

<Ebbene, alla sessione del 2016, non lo voleva nessuno. Aveva dei difetti che per un cavallo da corsa ne compromettono il rendimento. Prima di passare nel ring di presentazione e battuto dal venditore, fu visto da ben cinque veterinari e quindi sotto l’occhio attento di altrettanti acquirenti>. Fu quindi uno scarto quello che si aggiudicò Elliot Walden, il manager di un gruppo che comprende #WinStarFarm, #ChinaHorseClub, #HeadofPlainsPartners e Starlight Racing?. <Certo! Ma uno scarto per modo di dire dato che alla fine fu battuto in asta a 500.000 dollari>.

Come tutti i puledri, anche per Justify arriva il momento di dar prova di se. Viene affidato al training di un mago dell’allenamento americano e internazionale, Bob Baffert. Non uno qualunque: qualche anno prima aveva sellaàto AmericanPharoah, un altro campione assoluto. La stoffa di cui era fatto Justify si capì subito dopo la prima corsa in carriera e dopo aver aspettato ben due anni dall’asta prima di scendere in pista, probabilmente perché i guai che lo affliggevano non consentivano al trainer di metterlo in campo già a due anni, quando i purosangue incominciano a correre. E #BobBaffert dovette attendere la primavera del 2018, per presentarlo in corsa, all’inizio dei tre anni.

L’avvio folgorante in quell’evento per debuttanti entrò subito a far parte del sogno di qualsiasi proprietario di cavalli da corsa. Non solo vincere il Derby, nel caso quello per eccellenza: quello del #Kentucky, ma addirittura la #TripliceCoronaAmericana, un trittico che impone di passare per primi sul traguardo nel giro di un mese anche nelle #Preakness e nelle #BelmontStakes. <Sono tre corse micidiali – prosegue #EugenioColombo -. Si disputano su percorsi in sabbia. Justify non solo le ha vinte ma ha inflitto distacchi abissali agli avversari: tra l’acclamazione di una folla in tripudio per questo cavallo che viene ritenuto il più forte di tutti i tempi in America. Le corse – prosegue Colombo – sono da sempre molto popolari. Accanto alla popolarità c’è anche un enorme prestigio. Basti pensare che possiedono allevamenti e cavalli da corsa personaggi come #PeterBrant (imprenditore e collezionista d’arte), #ArthurHancock (Stone Farm), #GaryTanaka (#AmerindoInvestmentAdvisor), CarlIchan (Apple), #MariaNiarchos, #Phippsfamily, #Galbraithfamily, #CharlesFipke. Oltre agli arabi #PrinceKhalid AbdullahSheicksMohamedalMaktoum,

#RonaldRegan invece era un appassionato di equitazione con tanto di sella italiana marca Pariani. In Europa non sono da meno. Un cavallo di LadydeRothschild è recentemente arrivato secondo nelle King George and Queen Elizabeth Stakes, quella che viene chiamata “La corsa dei diamanti”, un oggetto “ricordo” che viene consegnato al proprietario del vincitore anche molto familiare a #SirAnthonyErnestOppenheimer, il re dei diamanti che con Golden Horn ha vinto recentemente il Derby di Epsom.

Sei corse, sei vittorie per Justify: imbattuto Poi in luglio lo stop improvviso. Il cavallo si è risentito a un nodello durante un allenamento. Ed stato ritirato in razza a fare lo stallone. <Il giro d’affari statunitense verificabile sul fatturato di tutte le aste Usa, nel 2017 è stato di 997.193.130 milioni di dollari. <Il segreto di un business così elevato – conclude Eugenio Colombo – sta in un unica formula: possedere e allevare purosangue offre enormi vantaggi da un punto di vista fiscale con grandi possibilità di detrazioni>.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.