#HORSEPAINTING. COME CONIUGARE ARTE, CAVALLI E SOLIDARIETÀ. by #CentreHippiqueMahdia-#GabriellaIncisadiCamerana

di Gabriella Incisa di Camerana

 « In quest’epoca, abbiamo bisogno di persone che non devono pontificare bensì costruire ponti tra i nostri due Paesi, a partire dalle categorie più vulnerabili. Dei ponti anche spirituali, attraverso l’aiuto ai bambini e grazie all’arte e agli animali, gli animali più vicini all’uomo all’uomo ». È con con queste semplici parole, un discorso non letto ma ispirato dal progetto HORSE PAINTING così come da tutto il lavoro dell’associazione Centre Hippique Mahdia, che Sua Eccellenza Lorenzo Fanara, ambasciatore italiano a Tunisi, ha accolto i suoi ospiti martedì 26 febbraio presso l’Istituto Italiano di Cultura.

Schermata 2019-03-06 alle 23.06.05.png

Un incontro tematico a sostegno dell’educazione emozionale dell’infanzia CUORI ALLA RIBALTA per rintracciare il lavoro di questa associazione tunisina sia nel tempo che nei suoi diversi settori di intervento: sport, formazione, allevamento, conservazione delle razze autoctone in via di estinzione, protezione ambientale, sviluppo del turismo sostenibile, affiliazione e collaborazione con organismi internazionali che concorrono agli stessi obiettivi. Un lavoro ad ampio raggio che include sopratutto gli I.A.A., Interventi Assistiti con gli Animali o Pet Therapy, l’impegno costante per la consapevolezza dell’autismo e la gestione di eventi internazionali che hanno un forte impatto pubblico e mediatico.

Questo è l’impegno costante del Centre Hippique Mahdia volto anche a creare opportunità e progetti per i giovani tunisini nel settore della filiera equina, delle arti plastiche, fotografiche e cinematografiche perché è importante valorizzare quel sentimento di appartenenza alla propria terra, stimolando l’amore per le proprie radici culturali. Un impegno per motivare percorsi di acquisizione e miglioramento delle proprie competenze e indurre, di conseguenza, la realizzazione di progetti e imprese nel paese di origine, la Tunisia. Non solo quindi promuovere un’educazione emozionale per l’infanzia ma incentivare un fruttuoso scambio fra giovani e culture diverse per « stimolare le comunità a lavorare insieme, costruendo anche ponti spirituali attraverso l’aiuto ai bambini e alle categorie vulnerabili grazie all’arte e agli animali »  sottolinea l’Ambasciatore, dottor Lorenzo Fanara ad un’attenta platea di rappresentanti della società civile, imprenditoriale, ambientalista, artistica nonché quella dell’attivismo cooperativo, sociale e del volontariato.

Nel salone, gremito di pubblico giunto dalle diverse regioni della Tunisia, si abbassano le luci e cominciano a scorrere i primi fotogrammi degli short-movie realizzati all’occasione dell’evento internazionale HORSE PAINTING e proiettati, in continuo e su grande schermo, nello stand allestito durante il Salone dell’Equitazione CAVALLI A ROMA.

Schermata 2019-03-06 alle 23.06.38.png

Alessandra Casino, istruttrice di equitazione, è la cautautrice che ha composto la canzone « Every Person » su richiesta del Centre Hippique Mahdia, all’occasione dell’evento BLUE CONNECTION per una mirata e poliedrica campagna di senbilizzazione all’autismo. Brano portato sullo schermo dal regista Michele Conidi, che lo ha scelto come colonna sonora per il suo cortometraggio sul tema sociale del bullismo «Cinque minuti ancora», in concorso al David di Donatello 2019.

Schermata 2019-03-06 alle 23.06.56.png

Alessandra Casino ripete nel suo refrain: «Maybe just some people could understand / That everyone is just so different! / Maybe every person should understand / That everyone can make the difference! / Riding on my blue horse….»  (Forse solo alcune persone potrebbero capire/ Che tutti siano così diversi!/ Forse ogni persona dovrebbe capire/ Che tutti possano fare la differenza!) e forse sarebbe ora che ascoltassimo queste parole non solo col cuore ma anche con i fatti. EVERY PERSON è dedicata, infatti, alla valorizzazione della diversità, perchè ognuno di noi può fare la differenza. E conclude cantando: « Open just your heart dear the blue horse is here», riferendosi al colore blu, la cui sfumatura «enigmatica» è legata all’autismo in quanto simbolo di conoscenza e sicurezza.

Negli altri due video, il tema delle riprese ruota intorno alla realizzazione di un’opera d’arte su tessuto denim, una tela-coperta indossata da un cavallo-cavalletto che va ben oltre la semplice funzione di supporto. Un sostegno mobile e vivo, che consente all’artista di entrare in relazione con l’identità specifica del cavallo. In questo caso, il coinvolgimento di un animale, che ha un linguaggio corporeo elaborato, pone l’artista in un’interazione interspecifica che lo porta a sviluppare, contemporaneamente, nuovi modi di esprimersi per condividere un’esperienza, unica nel suo genere. Questo eccezionale mediatore emotivo, assorbendo le nostre vibrazioni, permette di migliorare la connessione con noi-stessi. Una tela-coperta a doppia valenza : da « quadro d’autore » a partecipazione realazionale educativa del bambino con il cavallo.

Schermata 2019-03-06 alle 23.07.12.png

Il contributo magico di « Medieval »

Il secondo video è stato realizzato grazie all’artista e ricercatrice Angela Demontis, appassionata di cavalli fin da bambina, autrice del libro « Il Popolo di Bronzo » sugli abiti, armi ed attrezzi delle popolazioni nuragiche della Sardegna dell’età del Bronzo. Il video si avvale della partecipazione del caglieritano Riccardo Mameli, appassionato di rievocazioni storiche medievali, e di Pietro Xander Mameli, che fa parte del gruppo “Compagnia Clugia Maior” per la  divulgazione e lo studio delle attività praticate nel Medioevo, con particolare riferimento alla storia locale nonché esperto di Buhurt, lo sport internazionale basato sul full contact di cavalieri che si sfidano in duello con armature ed armi rigorosamente filologiche.

Questo clip è stato interamente girato nel bosco di olivastri secolari del parco San Sisinnio a Villacidro, in provincia di Cagliari, amena località, cantata anche nel sonetto «Sa Spendula» di Gabriele D’Annunzio, ma il vero protagonista è Lio’i, Leone, un cavallo da sella italiano nato in Sardegna che incarna il medievale cantore di gesta, un aedo a quattro zampe, grazie alla tela-coperta in tessuto di jean che la Janas, alias Angela Demontis, ricopre di disegni premonitori come l’Arazzo di Bayeux, il tessuto che descrive per immagini gli avvenimenti chiave relativi alla conquista normanna dell’Inghilterra.

Schermata 2019-03-06 alle 23.07.25.png

Il cavallo berbero del video « Dream- حلم »

Il terzo video, infine, si avvale del contributo di un gruppo di appassionati volontari sia locali che italiani residenti nella cittadina di Mahdia, sulla costa tunisina, che hanno dedicato tempo ed energie per realizzare questa storia la cui trama verte sulla trasmissione generazionale dei valori fondamentali che la microcomunità familiare trasferisce ai propri figli, permettendogli di vivere meglio nella società e, tutto sommato, di essere più felici. In tale contesto, il cavallo è visto come un catalizzatore di empatia e di comunicazione non verbale nei bambini. Hanno partecipato anche una quarantina di giovani «artisti in erba», accompagnati dai loro genitori, che si sono prestati piacevolmente a dipingere le tele-coperte poste sui cavalli e a giocare a fare il cinema.

In un tempo fuori dal tempo, lontano dai tumulti del mondo, il sogno infantile si evolve in un universo in cui il cavallo, la natura e la pittura diventano i veri protagonisti della storia dove i sogni dell’infanzia si confrontano con la realtà e, spesso, prendono un’altra dimensione

« Dream- حلم » è una storia di fragilità e vitalità, che deriva dall’umiltà e dal rispetto, non dalla forza bruta, in cui la vecchiaia non è più l’emblema dei limiti dell’uomo di fronte alla natura e al destino ma rappresenta la culla delle risorse e dei valori che la contraddistinguono e ne esprimono la grandezza.

Una visione che ci lascia tutti sognatori …

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.