Il “Milano” dei Purosangue Arabi: un successo di pubblico per una corsa che ha onorato il Gran Premio.

Nelle foto di apertura l’arrivo della President of the UAE Cup e Sheikh Manṣūr bin Zāyed Āl Nahyān

Claudio Gobbi

Secondo anno consecutivo per la President of the UAE Cup all’ippodromo di San Siro, preceduto da un prologo riservato ai PSA di 3 anni. La corsa fa parte di un circuito che il prossimo anno vedrà sponsorizzate 9o corse in tutta Europa. Un segnale che propone il Purosangue Arabo, in una dimensione fortemente competitiva sul piano internazionale di cui e di cui Sheikh Manṣūr bin Zāyed Āl Nahyān è il principale esponente e fautore e che per il 2020 ha promesso oltre 90 corse per PSA in Europa. A Milano erano presenti alcuni tra i maggiori esponenti del mondo arabo e proprietari di cavalli di PSA. Tra questi anche l’italiano Mattia Cuadrobbi titolare della Razza di Pinè.

La corsa

Come da tradizione, i purosangue arabo hanno dunque avuto degno risalto nel pomeriggio con il Premio Milano President of the UAE Cup, quest’anno promosso a rango di Gruppo 3 sempre sulla distanza dei 2000 metri in pista grande. Secondo in questa prova dodici mesi fa, ma poi capace di strapazzare i rivali a ottobre nel Milano Jockey Club Psa Gr. 3, Akoya si presentava nel ruolo di netto favorito: il portacolori della Landgoed Waterland ha onorato il pronostico, ma quanta fatica per domare Mashhuralkhalediah! Quest’ultimo ha provato la gara di avanguardia, in retta ha prodotto un allungo sul quale il cavallo di Karin Van den Bos ha faticato a rispondere. Antonio Fresu non si è dato per vinto e nelle ultime battute e’ riuscito a rimediare la vittoria. Terzo posto per l’altro ospite Aoun.

Un PSA allenato da Endo Botti nella prova di apertura del convegno

Ancora i purosangue arabo in azione nella prova di apertura, il Premio dei Tre anni PSA, condizionata sui 1800 metri in pista media: debutto vincente per Octopus Power, portacolori della signora Manuela Daverio in allenamento a Endo Botti: Antonio Fresu (a segno in entrambe le prove psa) lo ha impiegato con fiducia, muovendo in lunga progressione in retta per piegare dopo testa a testa Amour, l’unico a provare a contrastarne il passo. Terzo posto per Aquila Nera, compagno di colori del vincitore, mentre Dagui Lotois e’ calato dopo essersi impegnato ai lati di Aghata sin dal via.
Cr1_PREMIO_DEI_3_ANNI_PSA
Nella foto l’arrivo della President of the UAE Cup vinta da Akoya della appassionata proprietaria olandese Karin Van den Bos

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.