Un nuovo inizio. Il convegno di IV del 17 ottobre: la riforma fiscale proposta da Eugenio Colombo per il rilancio dell’ippica.

Italia Viva, Comitato Ippica&Equitazione (https://www.italiaviva.it/265907), ha fortemente voluto il convegno IPPICA UN NUOVO INIZIO, pur in un momento così grave per il Paese, per contribuire al rilancio di questo mondo che è in enorme sofferenza, dimenticato da tutti e ancora guidato da un classe ippica, incompetente, che ha da tempo fallito la sua missione di rilancio e di sostegno del settore, assoggettata com’è stata a qualsiasi politica e a politici che ne hanno distrutto lo spirito e le grandi potenzialità.

Claudio Gobbi – responsabile Comitato Italia Viva Ippica&Equitazione

Samo stati i primi a proporre e realizzare una iniziativa sfruttando questo momento di pandemia, in cui tutto sembra essere rimesso in discussione. Così il 17 ottobre abbiamo realizzato una iniziativa a Milano, presso la sala convegni di via Cappuccio dove solitamente si tengono le riunioni di Italia Viva, partito a cui appartengono i membri del Comitato Ippica&Equitazione, che ha proposto l’iniziativa.

Non è stata un impresa facile, proprio in quanto la pandemia ci ha costretti a operare in parte  in streaming. Questo non ha impedito un alta qualità degli interventi sul tempa del convegno, vale a dire sulla ricostruzione dell’ippica italiana, martoriata da anni di inqualificabile gestione ministeriale  e da parte delle associazioni che governano il settore.

Il titolo del convegno era quanto mai ambizioso: IPPICA UN NUOVO INIZIO. Tra gli altri è intervenuto il Presidente della Fise Lombardia cavalier Vittorio Orlandi, ed Eugenio Colombo dagli Stati Uniti. Due presenze qualificanti per dire che l’ippica italiana ha bisogno dell’intervento di attori nuovi, che apportino idee e progetti capaci di ridare linfa vitale a un settore stagnante.

A questi si è aggiunta una presenza di assoluto rilievo, quella dell’onorevole Maria Chiara Gadda, capo gruppo di Italia Viva in commissione agricoltura, che, come abbiamo avuto modo di illustrare in un precedente post su Chavalier.net, ha messo in risalto la proposta di legge di Iv in merito al settore ippico di cui si sta occupando da tempo e he verrà portata a breve in Consiglio dei ministri.

È stato Eugenio Colombo dall’alto della sua profonda conoscenza dei meccanismi di sviluppo del mondo ippico statunitense a portare un contributo importante. In particolare sul fronte fiscale, quello che è il motore che fa girare l’ippica made in Usa. Accanto, quello del presidente della Fise Lombarda Cavalier Vitorio Orlandi che ha riproposto il passaggio dell’ippica al Coni.

A questi due interventi si sono aggiunti quello della horsewoman Sara ceccacci, che ha proposto la creazione di una associazione o fondazione per il recupero dei cavalli da corsa, trotto e galoppo, per la loro destinazione agli sport olimpici, sull’esempio della francese Au de-la de Piste.

Di grande interesse anche quelli dei due aderenti a Ippica&Equitazione, Alberto Giordano e Alessandro Taccioli. Il primo è intervenuto sulla necessità dell’ippica italiana di dotarsi di strumenti innovativi per l’accesso ai contributi comunitari, ramo di cui è esperto e in merito al quale ha operato per lo stesso Mipaaf, e l’Anac. Il secondo invece si è distinto nell’intervento sul ripristino del corso di Merano riservato ai Gentlemen rider e sulla formazione di personale ippico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.