A Maia accanto ai saltatori arrivano i “pianisti” con un’apertura a sensazione. Subito soggetti da Listed a darsi battaglia.

 

di Giorgio Bergamaschi

Memorial intitolato a Mil Borromeo, il trainer recentemente scomparso che a Maia era cresciuto ippicamente e aveva ottenuto importanti successi.

Il secondo appuntamento del fine settimana all’ippodromo di Maia saluta la ”prémière” dei fantini prof del piano, che daranno assaggio  per interesse e contenuti delle prossime giornate, culminanti nel meeting di Ferragosto. Salgono a Maia scuderie ed allenatori che individuano nelle caratteristiche tecniche delle pista meranese, falsamente tecnica, ideale palestra per affinare la condizione dei puledri e portarli al debutto.  Ma anche per ritemprare qualche buon soggetto, che abbisogna d’una pausa, di aria eccellente e di acqua meravigliosa….

Al primo evento, per i fantini, ecco il Premio Cortaccia sul miglio porta all’evidenza Beautiful Vintage con Dario Vargiu ma anche Fortissimo. L’incredibile Mychoon, il vincitore del Premio delle Alpi dello scorso anno, qui si cimenta con i professionisti ed il dotato Biedermann reca la nota di Dormello ed è egli pure della partita . La prova per soli tre anni, intitolata alla memoria del caro Daniele Porcu, vede il dormelliano Stower in forte crescita, opposto ai gravati Land of Giant (team Botti) e Mondorame (team Grizzetti) con forma acclarata. Its a Good Deal con peso interessante, ma anche Global Myth sono due altre opzioni interessanti.

Nel Premio Hotel Marlena sul miglio e mezzo Un Bluffeur e Chitarrista hanno entrambi buone chance e fanno oltretutto gioco di squadra, per Marco Gasperini, puntualmente presente a Maia. Destination Aqlaam e Bonys, soggetti di qualità, hanno già vinto sulla pista in passato ma anche i due pesini Ocean Wave e Mati Megabyte meritano attenzione. Altra corsa intitolata ad un illustre personaggio del Turf, recentemente scomparso, Mil Borromeo, guadagna il memorial di chiusura: proviamo i nomi di Strom Shelter e Zardin, soggetti passibili di buon progresso come il gravato Numer One Run è situato bene in corsa. Mentre High Honour e Stay Strong sono due valide alternative.

Nelle due prove in ostacoli, la prima è un’affollato cross in cui Ole Caballero è il punto fermo per statura nella categoria; Zubiena può però farsi notare dopo la sfortunata ultima prestazione, mentre Tequila Tango , Giannettoni e Lost Monarch in questo genere di prove sono sempre da considerare. Menzioniamo altre scelte, quali Giacalmarbar e Burrows Lane: presto detto il perché… in quanto questa corsa verrà inserita nel palinsesto nazionale come seconda Tris.

Oggi, a Maia si vivrà la semopre emozionante atmosfera degli esami. Sì, quelli per ottenere l’abilitazione a montare in corsa.  Per via del nuovo Decreto Ministeriale, su proposta della Merano Galoppo che persegue l’inserimento nel mondo dell’ippica di atleti provenienti anche da altre discipline equestri, è in corso di svolgimento uno stage che consentirà a nove aspiranti gentlemen riders/amazzoni di sostenere l’esame finale di abilitazione proprio a Merano. Altre iniziative seguiranno, col chiaro obiettivo di riavvicinare al settore nuove leve di appassionati cavalieri, sotto l’impulso e l’organizzazione di Ippica Educazione e Formazione. Sosterranno l’esame Marcelo Ojeda, Paolo Biasia, Simone Serra, Luca Brunotti, Elena Orsenigo, Veronica Ventura, Giulia Pellegrini e Giorgia Festa. (Gi. Ber.)