La Germania segue l’ultimo test per il Derby nella Champions League di Köln. Django Freeman, grande favorito a Colonia.

Nella foto di apertura Django Freeman, grande favorito a Colonia

Chi sarà il successore di Weltstar sulla via del Derby tedesco, il cui estremo Trial è intestato alle Sparkasse KölnBonn-Union-Rennen?

di Giorgio Bergamaschi

Siamo alla prémière germanica sulla via del Derby, e dopo l’avvio nel Grosser Preis der Wirtsschaft a Baden Baden, dove si era disputata la prima tappa della German Champions League (con la vittoria di Itobo su Royal Youmzaine), si comincia a fare sul serio nel calendario tedesco ed al Weidenpescher Park la parola passa ai 3 anni che hanno nel mirino il Derby, che si disputerà ad Amburgo il 7 luglio.

Con gli occhi e la mente rivolti a 12 mesi or sono, quando in questo trial s’era imposto Weltstar cambia soltanto l’intestazione della corsa. Che si presenta agli affezionati del turf come Sparkasse KölnBonn-Union-Rennen (Gr. II, 70.000 Euro, 2.200 m, 6ᵃ corsa del programma, alle 16:40) e presenta un’edizione di spettacolare interesse, con 10 puledri al via.

Django Freeman, grande favorito a Colonia

Come detto il pupillo di Markus Klug su questa stessa pista ed in questo stesso premio, aveva posto la sua candidatura auttorevole sulla classica dell’Horner Moor. Già, il portacolori del Gestüt Rőttgen era svettato sul traguardo candidandosi autorevolmente per la vittoria nel Nastro Azzurro che poi avrebbe puntualmente conquistato, ad Amburgo, disponendo (dopo accanita lotta), del compagno di training Destino, siglando il doppio a seguire nel Nastro Azzurro tedesco, dopo il successo nel 2017, conseguito dal suo mezzo fratello Windstoß. Le Union Rennen, che si corrono nella Domstadt fin dal 1835 (dopo l’ingresso nel calendario del turf l’anno prima, ma a Berlino-Tempelhof, quando il complesso di Hoppegarten ancora non era ancora stato completato), da quest’anno cambiano sponsor ma non l’indicativa collocazione nel calendario d’élite germanico.

Il grande favorito della poule è Django Freeman (Lukas Delozier) allenato a Colonia da Henk Grewe, che già a Monaco Riem con la sua netta vittoria nel Bavarian Classic aveva mostrato la sua caratura e ambizioni classiche, di cui aveva dato buon saggio a 2 anni, in occasione del Preis der Winterfavoriten, in cui era finito a contatto di Noble Moon. Django Freeman da allora ad oggi è salito nella scala dei valori della generazione 2016, e – se supererà il test del Weidenpescher Park, si presenterà alla classica del 7 luglio con le stimmate del favoritissimo dell’IDEE 150° Deutsches Derby. Certo, per meritare la pole position nella graduatoria in prospettiva Horner Moor dovrà misurarsi e piegare qui la punta di Andreas Wöhler Laccario (Eduardo Pedroza) dell’Ittlingen, nome de course di Manfred Ostermann e di sua sorella Gisela, già brillato in listed a Düsseldorf.

Un altro serio candidato a questa poule è il portacolori del Gestüt Ravensberg Winterfuchs, punta dello schieramento di Carmen Bocskai che allena ad Iffezheim, coadiuvata dal marito Georg, già apprezzato fantino di origine ungherese. Il suo 3 anni è reduce dal primo piano di Krefeld nel Dr. Busch-Memorial e sarà montato per l’occasione da un’amazzone svizzera, l’abilissima e raffinata Sibylle Vogt.

Sulle orme di Destino

Horst Pudwill ha affidato alle cure di Markus Klug il suo Dschingis First (Adrie de Vries), fratello dell’ultimo vincitore delle Union, il runner up del derbywinner dello scorso anno, Destino e stretto consanguineo del “Cavallo dell’anno” Dschingis Secret. Terzo nel Bavarian Classic, il portacolori di Pudwill cerca la rivincita sul favorito Django Freeman. Un soggetto in bella crescita appare Andoro (Michael Cadeddu), che muove da Berlino -Hoppegarten ed è la carta importante di von Roland Dzubasz. Il campo è completato da Quian (Andrasch Starke), Nubius (Dennis Schiergen), Man On The Moon (Fabrice Veron) e So Chivalry (Filip Minarik).