La qualificazione del completo di equitazione alle Olimpiadi di Tokio vista da Maria Pia Mirabella.

Schermata 2019-09-04 alle 16.03.00

Comincia con questo servizio la collaborazione di Maria Pia Mirabella, una delle più autorevoli voci dell’equitazione lombarda e nazionale.

di Maria Pia Mirabella.

Attuando scrupolosamente la programmazione agonistica definita all’inizio dell’anno dal Team Manager/Selezionatore Katherine Lucheschi, dal Selezionatore/Chef d’Equipe Giacomo Della Chiesa e dal Direttore Sportivo Francesco Girardi assieme ai cavalieri senior di elite.

L’obiettivo concordato era di ottenere la qualifica attraverso le due opportunità decise dalla FEI: essere primi (punteggio più alto) nella classifica delle nazioni non qualificate alla fine della serie delle 7 Coppe delle Nazioni, oppure occupare il primo o secondo posto nella classifica finale dei Campionati Europei riservato alle nazioni non qualificate.

A Luhmühlen l’ Italia ha ottenuto il pass olimpico e dopo le prime 5 Coppe delle Nazioni l’Italia è al primo posto. Mancano ancora 2 tappe, ma permane l’impegno a perseguire un buon risultato finale, anche se non necessario per la qualifica Olimpica, nel rispetto dell’ impegno preso con i cavalieri che con grande professionalita’ si sono impegnati a raggiungere questo importante traguardo . Questi brillanti risultati sono dovuti fino ad ora ai quindici cavalieri che con 18 cavalli si sono impegnati nel seguire il programma agonistico concordato. Grazie anche al loro Team di supporto: proprietari, sponsor, groom, tecnici, veterinari e famiglie!

Il Team Manager ha seguito la preparazione monitorando i cavalieri nelle gare nazionali ed internazionali e tenendo contatti continui sia telefonici che attraverso filmati relativi alla loro preparazione agonistica. L’assistenza Veterinaria coordinata da Dr Eleuteri e’stata continua, con la sua presenza o del Dr Fabrizio Monici a tutte le Coppe delle Nazioni e Campionati. Il Comitato di Selezione:- Lucheschi e

Della Chiesa ha funzionato in completa armonia. Si è creato un’importante spirito di squadra che le Coppe della Nazioni hanno rafforzato.

La preparazione pre-olimpica in vista di Tokyo incomincia già quest’anno con un programma agonistico 2020 che preparerà al meglio i binomi con potenziale olimpico. La squadra olimpica sarà composta da tre binomi ( non più 4) e la riserva, che potrà sostituire durante la competizione un binomio per ragioni di salute sia del cavallo sia del cavaliere o per eliminazione…..E comunque impossibile al momento conoscere i fortunati binomi italiani che scenderanno in campo ai prossimi Giochi Olimpici.

Schermata 2019-09-04 alle 16.10.48.png

 

Annunci