Storie. Treve la campionessa di Al-Thani. L’Arc era la sia casa.

di Paolo Allegri

Schermata 2019-03-16 alle 12.27.04.png

Il turf è studio, ricerca, selezione. La differenza la fa allenare con una visione. Scorgere i talenti e programmarne la parabola in modo che la  vetta più alta possa essere raggiunta non una sola volta, da meteora, ma consolidata ripetendo il successo. La storia di Treve.

Nei contesti più importanti e prestigiosi. Nell’ippica vincono le scuderie che hanno un valore dentro. Ecco Treve, un capolavoro di training. Questo racconta la beniamina di Francia. Già, Treve, la due volte laureata dell’Arc the Triomphe, formidabile campionessa. In anni recenti la massima espressione nel Vecchio Continente di come selezionare il purosangue al massimo livello.

La gestione della carriera della figlia di Motivator  è un esempio di programmazione mirata: partendo dalla lettura di un pedigree con diversi punti di forza di stampo classico in riferimento all’attitudine alla distanza (una genealogia che è una meravigliosa sintesi dei grandi razzatori, con le presenze di Northern Dancer e, nella linea materna di Nearco attraverso Trillion, ava della genitrice di Treve) e impostando un training di prospettiva. In casa Head la preparazione dell’erede di Motivator ha seguito la crescita atletica, tecnica e mentale di Treve fin da puledra in maniera sapiente. La futura laureata dell’Arc ha affrontato i migliori soltanto quando il suo entourage l’ha ritenuta pronta per la missione. Completatasi nel fisico e nella personalità, questa cavalla di classe dotata di un cambio di marcia esplosivo è passata di trionfo in trionfo. Sul prediletto palcoscenico del Bois Treve ha recitato da primattrice e, nel giorno più atteso, quello dell’Arc de Triomphe, che consegna alla gloria imperitura, ha regalato emozioni e spettacolo agli amanti dello sport dei Re. Doppiando quell’affermazione con un’impresa che a Parigi non si vedeva dai tempi di Ribot. Una Regina di Cuori che ha strappato applausi a scena aperta alla tribuna di Longchamp con galoppate memorabili sull’erba. Vittorie di una bellezza rapinosa, quella di Treve. Il suo allungo fiammante è stato un lampo tra le quinte rosseggianti del Bois in autunni romantici. Una campionessa indimenticabile. Per classe e fascino. E perché vincere con uno stile che è l’espressione di una grande bellezza non è un semplice dettaglio ma una filosofia che fa la differenza. Quella tra i campionissimi e i buoni cavalli. Il sogno nel binocolo non è una vincitrice d’Arc. Noi cerchiamo il mito. quando arriva una fuoriclasse come Treve ecco che quel Mito l’accarezziamo. E amiamo ancor di più l’ippica, come in una passione adolescenziale che si rinnova nel tempo sfumato della maturità.

IL PALMARES

Owner: Al Shaqab Racing

* Breeder: Haras du Quesnay (Alec Head)

* Winnings: 12 Starts: 9 – 1 – 1, €7,059,083

* At 3: 1st Prix de l’Arc de Triomphe (Fr-G1) 2400m, Prix de Diane (Fr-G1) 2100m (course record), Prix Vermeille (Fr-G1) 2400m

* At 4: 1st Prix de l’Arc de Triomphe (Fr-G1) 2400m; 2nd Prix Ganay (Fr-G1) 2100m; 3rd Prince of Wales’s Stakes (GB-G1) 2000m

* At 5: 1st Grand Prix de Saint-Cloud (Fr-G1) 2400m, Prix Vermeille (Fr-G1) 2400m, Prix Corrida (Fr-G2) 2100m

* Trainer: Criquette Head-Maarek

* 2013 Cartier Horse of the Year.

* 2013 Cartier Champion 3yo Filly.

* Broodmare at Haras de Bouquetot:

* 2017-Feb-01: bay colt by Dubawi